Immagini di un Racconto: FALCHERA

 

Dopo.mezzanotte (click on)

Spezzone tratto dal film "Dopo mezzanotte" di Davide Ferrario (2004)

“un quartiere che la maggior parte dei Torinesi reputa malfamato, ma in realta’ non sa nemmeno dov’è”.
Eh sì: Falchera potrebbe essere  a ragione citato da wikipedia alla voce “Leggenda metropolitana”: buona parte dei Torinesi per arrivarci deve accendere il navigatore, eppure se chiedete a chi non ci è mai stato vi sentirete rispondere proprio quel che dice Silvio Orlando, voce narrante di questo consigliatissimo film.

Noi abbiamo voluto visitarla con un altro punto di vista e con le nostre fotografie proviamo a raccontarla anche a voi:

2 thoughts on “Immagini di un Racconto: il quartiere di Falchera

  1. E’ qui che sono cresciuta, si viveva molto bene, noi bambini potevamo giocare liberi nei prati e andare in biciletta senza pericoli. Le strade e i giardini erano sempre ordinati e puliti. Avevamo tutto quello che ci serviva a pochi passi; la scuola, la chiesa, il cinema e la bibilioteca. I negozi e il mercato in piazza ci consentivano di avere tutto il necessario. Quando andavo “in città” cioè solo fino in Corso Vercelli o Corse Giulio Cesare per acquisti nei negozi più specializzati mi sentivo soffocare, tutte quelle vie senza neppure un albero con le case vecchie e brutte… Credo di esser stata fortunata ad abitare alla Falchera !

    1. Lo credo anch’io, anche se non so di quali anni parli; è un quartiere che vive di alti e bassi, a seconda di quanto si interessano le amministrazioni pubbliche e di quanto interessa loro investirci; ma sicuramente è uno dei più affascinanti quartieri della storia recente di Torino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *